Come clonare una macchina virutale KVM

Guida veloce su come clonare una macchina virtuale KVM

Vediamo subito come si clona una macchina virtuale KVM

Prima di tutto spegnamo o mettiamo in pausa la macchina da clonare (ad esempio vogliamo clonare una VM che si chiama VirtualServer01)

# virsh shutdown VirtualServer01

or 

# virsh suspend VirtualServer01

Una volta spenta, possiamo clonare VirtualServer01 creando una nuova macchina NewServer01

# virt-clone --original --file--name  NewServer01 --auto-clone

in questo caso il disco della nuova macchina (img or qcow2) sarà creato nella stessa directory dove è presente il disco di  VirtualServer01,

Se vuoi cambiare la directory del disco (img or qcow2) devi usare l’opzione –file:

# virt-clone --original VirtualServer01 --name NewServer01 --file /path/to/file.qcow2

Dopo questa operazione puoi avviare la VM originale e anche quella clonata

# virsh start VirtualServer01

# virsh create /etc/libvirt/qemu/NewServer01.xml

Ecco la lista delle VM sul server

# virsh list --all

Id Name State
----------------------------------
0 VirtualServer01 running
1 NewServer01.xml running
2 VirtualServer02 inactive

 

Piu dettagli su KVM 

 

–auto-clone: virsh usa le opzione di default per il clone (quindi stesse directory dell’originale)

–file: possiamo decidere la directory destinazione del file .img or qcow2 (vm drive), questo può essere utile per esempio se si ha una partizione drbd dedicata al disco delle vm

virsh start: accende una VM spenta

virsh create: crea una VM dal file xml

 

Cosa fare dopo che ho clonato una macchina virtuale KVM

 

Dopo aver clonato una macchina virtuale, può essere necessario verificare nel file xml di configurazione se il disco è configurato correttamente (verificare il path) e soprattutto se le interfacce sono configurate correttamente.

# virsh edit NewServer01

NON è sempre necessario farlo, dipende da come sono configurate le vostre VM. Ad esempio, se avete associato una interfaccia fisica del server che ospita le VM alla vostra VM originale, la stessa interfaccia fisica sarà associata alla macchina clonata e questo ovviamente è un problema. Per risolverlo basta editare la configurazione della VM (con virsh edit) e modificare l’opzione interface sul file xml.

Inoltre dovrai verificare l’indirizzamento IP della nuova VM per evitare che abbia lo stesso indirizzo di quella originale, per fare questo puoi collegarti alla VM tramite console.

# virsh list --all

Id Name State
----------------------------------
0 VirtualServer01 running
1 NewServer01.xml running
2 VirtualServer02 inactive

# virsh console 1

 

Spero possa aiutare.

virt-clone man

virsh man

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.